Gravidanze (in)desiderate: normalizzare i pensieri ambivalenti.

Nulla è accolto con più ambivalenza di una gravidanza: rompe gli equilibri e cambia la vita in maniera definitiva.

La maggior parte delle coppie afferma razionalmente di accettare la gravidanza con gioia. Io credo che sia sano e opportuno, invece, poter esprimere le proprie riserve, e diciamolo pure, le proprie paure in merito.

Lo sforzo di adattamento che molti fanno a livello razionale è notevole, e a compierlo sono aiutati anche da parenti e amici. ‘Vedrai, ti piacerà per questo e quest’altro motivo’, oppure ‘Non è poi così difficile, l’hanno fatto tutti’, frasi di questo tipo possono aiutare la coppia a metabolizzare l’evento.

Vi è però una parte di angosce e terrore irrazionali, provenienti dal profondo, che mette la coppia, ma soprattutto la futura madre, davanti ai suoi peggiori fantasmi.

Le paure riguardano, come ben si sa, la salute del neonato, ma molto spesso hanno a che fare con la condizione lavorativa e con gli equilibri di coppia, che come detto sono i primi ad essere scompaginati.

Per questo va detto che sentire sensazioni forti anche negative nei confronti della gravidanza non è disumano né patologico, ma una normale reazione che anzi andrebbe comunicata ed elaborata. Se queste paure non vengono espresse, e vengono spinte in angoli nascosti della mente, possono crescere, e saltare fuori dopo molto tempo con sembianze di vecchie ruggini, malintesi, o altro.