Uomini e violenza di genere

Identificare l’uomo con la volitività e l’aggressività è una semplificazione culturale che ha a che fare con l’omologazione sociale e la massificazione dei costumi.

Se prendiamo ad esempio lo sport ci rendiamo conto che questo è tanto più vero quanto più lo sport è ‘popolare’. In Europa gli sport di massa sono quelli in cui l’aggressività, anche cieca, l’espediente, il furore agonistico al limite della rozzezza, sono valori fondativi molto più che in sport per così dire di nicchia, in cui invece il fair play, il terzo tempo, il rispetto per l’avversario vengono addirittura prima del risultato in sé.

In politica le cose non vanno meglio. Un tempo i grandi movimenti politici erano anzitutto fucine di idee e di contenuti. Oggi invece, in tutto il mondo, i grandi partiti sono quelli che convogliano la rabbia, l’aggressività, talvolta l’odio dei loro iscritti, mentre è più facile ascoltare parole di saggezza e lungimiranza al congresso di un piccolo partito. Lo stesso si potrebbe dire per i grandi movimenti di piazza, in cui gli slogan, la semplificazione, l’aggressività passiva, prendono il posto del ragionamento, del confronto, dell’ascolto.

Vengo ora alla violenza di genere. Se un uomo è in grado di esprimere fair play ad una partita di tennis e molto meno sulle tribune di uno stadio di calcio, se riesce ad essere moderato al meeting di un nuovo movimento politico, più che ad un corteo di massa sotto bandiere e cappellini, probabilmente la colpa non risiede nella genetica.

Sono portato a credere che l’aggressività, soprattutto nelle relazioni affettive, sia molto spesso una semplificazione culturale, una scorciatoia filo evolutiva, una rozza imitazione della filosofia politica per cui distruggere un nemico è la migliore certezza di poterlo dominare.

La violenza di genere è sostanzialmente un fatto culturale, per questo può e deve essere superata. Con la cultura, evidentemente. Non con gli slogan.

Il padre con gli stivali

Alcuni padri si sentono proprietari della vita dei figli. Direi di più, proprietari dei figli. E delle figlie.

Il punto qui è la reazione emotivo/comportamentale da parte di chi vede la propria vita appesa al filo della volontà altrui. Il diritto di prelazione che questi padri esercitano sulle scelte dei loro figli conduce a volte questi ultimi ad affrontare la vita con una sorta di apatia, di rassegnazione. Che alla lunga li annulla nella loro essenza più intima.

In alcuni casi si può trattare di abusi, fisici o psichici. In altri nell’obbligo di frequentare delle persone piuttosto che altre, o a seguire degli studi e non altri.

Questi atteggiamenti possono influenzare lo stile relazionale dei loro figli anche per molto tempo.

Faccio un esempio: da adulti alcuni di questi figli potrebbero sentirsi in difetto nei confronti di figure autoritarie, e nutrire verso di loro un’avversione. Altri potrebbero portarsi dietro difficoltà specifiche nel rapporto con gli uomini. Altri ancora potrebbero non amare l’idea di famiglia, rinunciando a volerne creare una propria, in sfregio al male ricevuto.

In queste poche righe volevo mettere in evidenza questo aspetto: le relazioni di accudimento primarie sedimentano dentro di noi e lasciano dei segni, anche a distanza di molti anni. Se sono state deficitarie, o nevrotiche, o insoddisfacenti, come nel caso del ‘padre con gli stivali’ in alcuni momenti particolari della nostra vita queste relazioni possono aprire ferite che non credevamo di avere, o meglio, che pensavamo di avere suturato da molto tempo.

Gaming disorder, o del gioco patologico

Dissociare per alcuni minuti al giorno in una realtà parallela, in cui siano concesse cose che in genere non lo sono, è certamente uno svago e, diciamolo pure, un divertimento.

Pirandello l’ha ben raccontato nella novella ‘La Carriola’, dove un austero avvocato ha la tragica sensazione di fare qualcosa di orribile, quando dall’alto della sua temuta autorevolezza ogni giorno, e soltanto per alcuni istanti, solleva le zampe della sua cagna lupetta e le fa fare la carriola. L’avvocato della novella teme che essere scoperto possa attirare su di lui lo scherno e la disapprovazione, e rischi addirittura di essere internato, perché a gente della sua posizione non è concesso fare cose simili: divertirsi giocando col proprio cane. Pirandello ci porta a dire che no, non è patologico, anzi sano, molto sano, giocare col proprio cane, ed è anche molto sano staccarsi alcuni minuti dalla realtà per avere un po’ di svago. Aiuta a rifiatare.

Anche oggi fare ogni tanto una partita sullo smartphone può avere la stessa funzione.

Ben diverso è quando il gioco assume caratteristiche patologiche, quando assorbe ore e ore della nostra giornata, quando anzi diventa un dispendio economico importante, come nel caso del gioco d’azzardo.

Vedo almeno tre elementi nel gioco la cui errata gestione possa spingere verso un vero e proprio game disorder. Il controllo, il rischio, il successo.

Il controllo di tutte le variabili è senza dubbio l’aspetto che più differenzia la realtà virtuale dalla realtà vera e propria. Nella vita purtroppo non abbiamo il controllo (quasi) totale di quello che facciamo: non sappiamo quale sarà il prossimo livello, ignoriamo la difficoltà della prossima sfida, non abbiamo la possibilità di premere ‘riprova’ se qualcosa va storto.

Il rischio nella realtà virtuale è senza dubbio limitato. Ammetterete che guidare in contromano in galleria, sparare alle ombre dentro una tomba egizia, o lanciarsi da un elicottero in volo è senza dubbio molto meno pericoloso in un videogame che nella vita reale.

Infine l’aspetto più drammatico, il successo. Purtroppo molte persone si legano molto ai videogame perché in essi sperimentano una condizione nuova nella loro vita, quella di essere persone vincenti.

Una disamina del fenomeno gaming non può essere esaurita in poche righe, credo però che queste possano essere un buon punto di partenza.

I Capi e i Mediocri

Molti uomini o donne di vertice si circondano di collaboratori mediocri. In genere questo fatto garantisce il primato della leadership: vuoi perché nessuno dei sottoposti avrà idee migliori del superiore, vuoi perché difficilmente saprà insidiarne la posizione. 

Tuttavia la mediocrità porta conseguenze catastrofiche sull’azione organizzativa. Da un lato il prodotto finale sarà conseguenza di questo compromesso, e dall’altro il clima aziendale ne risulterà determinato in senso fortemente negativo. Con un crollo dei livelli motivazionali da parte dei collaboratori migliori, che poi sono la vera risorsa strategica dell’organizzazione, e con una recrudescenza delle mosse ostili, se non conflittuali, tra i mediocri stessi, che vedranno nelle cosiddette pugnalate l’unica opportunità per poter emergere.

In conclusione, fare organizzazione è adeguare un’azienda all’ambiente in cui si muove. Ma soprattutto prevedere i cambiamenti che questo ambiente avrà in futuro, per rendere l’azienda di domani più competitiva di quanto lo sia oggi. 

Ecco, se non si vuole perdere di vista questo secondo aspetto, è necessario che i capi imparino ad affrontare la loro quotidiana competizione con i loro collaboratori più stretti, e per il bene dell’Organizzazione si circondino di elementi di comprovato valore.

Smettere di fumare?

Portare qualcosa alla bocca. A chi non è capitato, in un momento di dubbio, ansia o concentrazione, di toccarsi le labbra, accarezzare i baffi o di mordere il tappo di una biro? Atavico gesto propiziatorio, forse ricordo ancestrale di un biberon carico di energia, portare qualcosa alla bocca non ha nulla a che vedere col problema che dobbiamo affrontare, eppure lo facciamo. Così a mio avviso il fumatore incallito ha trovato un modo per stimolare continuamente la sua zona orale: egli ripete l’azione ogni volta che un’emozione forte si frappone fra lui e la sua giornata. 

L’atto assume un carattere di dipendenza, inoltre, perché diventa presto una forma di condizionamento. Ovvero avvicinare una sigaretta alle labbra ha anche l’effetto di anticipare il piacere del gusto di tabacco in gola e del lieve stordimento della nicotina.

Ritengo quindi che il fumo si componga di almeno due fasi. Prima avviene l’accensione della sigaretta e il suo avvicinamento alla bocca, poi l’assunzione vera e propria della nicotina.

Per smettere di fumare, a mio avviso, è la prima delle due fasi la più difficile a cui rinunciare.