La disforia di classe sociale

La nostra società vive in larga parte al di sopra delle proprie possibilità. 

Molte famiglie sono indebitate, molte aziende private sono indebitate, e anche molti soggetti pubblici lo sono. Molti comuni o regioni sono indebitati, le squadre di calcio sono indebitate, lo Stato, e lo sappiamo bene tutti, è indebitato. Tutto questo indebitamento, va da sé, significa che famiglie, aziende, soggetti pubblici, squadre di calcio, comuni e via via fino allo Stato centrale, hanno qualcosa che non potrebbero permettersi, ossia vivono al di sopra delle loro possibilità. 

Disforia di classe

Tuttavia siamo circondati da persone che ragionano, consumano, (e spesso votano) come se appartenessero ad una classe sociale diversa dalla loro. Come se non accettassero di fare parte del loro contesto economico, e si sforzassero in ogni modo di considerarsi parte di un mondo diverso. 

Aspirare al meglio, sia chiaro, non è patologico: avere ambizioni, puntare a migliorarsi è una dinamica vitale dell’esistenza, che altrimenti sarebbe piatta e involutiva. Ma questo migliorarsi deve essere una tendenza, un ideale, non un’ossessione. 

Se la nostra società vive al di sopra delle sue possibilità, dovrebbe fare riflettere il fatto che molti sono ossessionati dalla crescita economica. Sono insoddisfatti della loro vita a tal punto da perdere di vista la quotidianità pur di lottare per un domani che forse neppure riusciranno a vedere.

La disforia di genere è una condizione che vede la compresenza di due aspetti: una incongruità marcata tra il genere di nascita e quello percepito, e un disagio psichico significativo. Facendo un parallelo, si può definire ‘disforia di classe’ quella condizione in cui un individuo sente di non appartenere alla sua classe sociale, e questo gli causa un notevole disagio. Se per notevole disagio intendiamo ansia, insonnia, irritabilità, e altri malesseri simili, vediamo che sono tante le persone che oggi vivono questa realtà. 

Rifondare l’Umanesimo

Se molti non riescono più a discriminare la differenza tra quello che hanno e quello che potrebbero avere, perché ritengono di meritare molto di più, forse è vero che dovremmo ripensare gran parte del nostro stile di vita. 

La svolta che potrebbe mettere d’accordo tutti, dalle grandi religioni ai maestri di vita, dai fans dell’ambiente ai complottisti, è quella di ripartire dall’Umanesimo. Ma non tanto l’Umanesimo del Quattro e Cinquecento, direi più un Umanesimo a prova di web e di società liquida di massa. 

Mettere l’uomo al centro, partire dalle esigenze degli umani: vuoi in termini di bisogni di sussistenza fisica, vuoi di realizzazione individuale. Se un tempo il confronto tra pari avveniva all’interno di uno spazio limitato, ben definito, dal luogo di lavoro agli amici del bar, al più passando per lo stadio, oggi la mondializzazione del web è più spietata: impone di confrontarsi ogni giorno con il resto del pianeta. 

Per questo è necessaria una rifondazione umanista, togliere l’economia e la tecnica dal centro di ogni dinamica e metterci l’uomo. Se ci interfacciamo ogni volta con il mondo intero ci sarà sempre qualcuno più fortunato di noi. La disforia di classe è una condizione che riguarda il rapporto tra noi stessi e il resto del mondo: è molto pericolosa, perché scatena reazioni profonde come l’insonnia, o problemi dell’umore come la depressione o la facile irritabilità

Il mondo è piena di individui convinti di valere di più, ma sviluppare per questo un malessere clinico non è adattivo. 

Nell’ambito della salute mentale non esistono soluzioni semplici e veloci a problemi complessi: per questo è necessario un cambio, lento, ma progressivo, del modo di rapportarci agli altri. Un ritorno al futuro, come auspicava già Dante Alighieri molto tempo fa. 

Anoressia e donne in carriera

Alcune donne di potere soffrono di solitudine. Conformemente al ruolo che ricoprono, però, e all’immagine che devono dare all’esterno, questa sofferenza non può e non deve essere espressa: a loro non sono consentite fragilità. 

Disturbi alimentari e solitudine

Il disturbo alimentare è sostanzialmente storia di solitudine. E’ da soli che ci si forza a digiunare, è in solitudine che si fanno abbuffate notturne, è nel silenzio della propria intimità che si espelle il cibo, magari dopo aver mangiato in compagnia. 

Non stupisce quindi che molte donne in carriera, o comunque donne forti, tutte d’un pezzo, abituate a essere seguite piuttosto che a seguire, possano soffrire di disturbi alimentari: perché il potere fa rima con solitudine, e l’angoscia che può derivare dal comando necessita di strategie primordiali per essere affrontata. 

Le modalità legate all’assunzione/rifiuto del cibo sono tra le prime ad essere acquisite, come ben sanno le mamme che allattano: da neonati infatti impariamo a comunicare il bisogno di cibo, o a esprimere il senso di sazietà. E da neonati impariamo che quel ‘buco nello stomaco’ può essere riempito se chi ci sta davanti sa capire le nostre richieste. Ma se da adulti ricopriamo un ruolo in cui non possiamo fare richieste, perché non sono previsti attimi di fragilità, ecco che quel ‘buco nello stomaco’ dobbiamo riempirlo da soli, ossia ognuno come riesce. 

Vuoto e pieno

L’ingestione compulsiva di cibo assomiglia allo riempimento forzato di un contenitore. Spingere qualcosa giù, come i vestiti in una valigia. Riempire forzosamente il vuoto primordiale, negare l’utilità del prossimo, dell’Altro, e bastare a se stessi, o almeno provarci. Immaginate se un neonato stanco di aspettare il biberon che non arriva potesse alzarsi, e con rabbiosa voracità ingoiarne l’intero contenuto, mandando al contempo tutti al diavolo. Negare l’importanza del soccorso, proprio quel soccorso che non è arrivato quando ne avevamo più bisogno: fare da sé, a costo di sbagliare, a costo di farci male. Alla donna in carriera, non possiamo negarlo,  non sono consentite fragilità, e il corto circuito è servito. 

Colpa 

Ogni pranzo che si rispetti prevede un’ultima portata, e per il comportamento alimentare l’ultima portata sono rabbia, colpa, senso di abbandono. La colpa e le altre emozione negative del disturbo alimentare sono i diademi della solitudine,  di chi non ha altro giudice se non la propria coscienza. Ed eccoci, così, tornati alla solitudine, da cui siamo partiti. La donna in carriera, o comunque la donna forte, tutta d’un pezzo, abituata non a seguire, ma ad essere seguita, è donna sostanzialmente sola. E da sola, infatti, deve affrontare, oltre alle sue paure di leader, anche il senso di colpa per non essere riuscita, proprio lei, a riempire quel vuoto primordiale: quel ‘buco allo stomaco’ che con tanta rabbiosa voracità ha provato a riempire, mandando al contempo tutti gli altri al diavolo.    

Axl Rose e la fame di distruzione

Axl Rose non ha mai fatto mistero di aver avuto un’infanzia difficile, fatta di violenze e abbandoni. E non ha mai nascosto di quanto questa infanzia abbia pesato da un lato sul suo precario equilibrio personale, dall’altro sulla sua travagliata esperienza artistica, legata soprattutto al gruppo rock dal nome non a caso evocativo Guns N’ Roses

Spoilt children

La psicoanalisi definisce spoilt children quei bambini deprivati, spogliati, invasi da un comportamento degli adulti non adeguato o non rispettoso. Questi bambini possono diventare adulti fortemente sofferenti, indipendentemente dal successo che il loro talento gli consente di raggiungere. Significa che l’intrusione operata dagli adulti (deprivazioni, violenze, abusi sessuali, ecc…) è talmente invasiva che resta nella personalità del bambino anche quando è diventato grande, ossia entra a fare parte del suo modo di essere. 

Axl Rose e il suo team di produttori hanno lasciato questo titolo molto emblematico: ‘Appetite for Destruction’. E’ segno di come l’arte sappia talvolta andare oltre la ricerca scientifica, o quanto meno la sappia anticipare. Bramare la distruzione, averne fame, è davvero la condizione che vediamo quotidianamente in alcuni pazienti che hanno avuto un’infanzia infelice

Potremmo dire che ‘Appetite for Destruction’ sia una ricerca scientifica ante litteram sul dolore da abbandono e da intrusione degli adulti nella vita di un bambino: un’opera d’arte che sa spiegare meglio di un convegno a tema quale ricaduta possano avere sulla sua instabilità emotiva, sulla sua ricerca di pericolo o di situazioni potenzialmente pericolose, e sulla sua propensione a distruggere quello che di buono riesce a costruire. 

Arte e psicoterapia

Come ogni grande opera d’inizio carriera, però, in ‘Appetite for DestructionAxl Rose non apre a risposte, cerca soprattutto di esprimere un punto di vista. 

La considerazione che possiamo aggiungere al suo lucido sforzo è che questa fame di distruzione, questa ‘pulsione di morte del bambino male accolto’ usando le parole di Ferenczi, può e deve essere curata prima che diventi distruttività diffusa.   

L’urlo di dolore di chi distrugge deve essere colto, deve essere interpretato come una richiesta di aiuto: per non continuare ad alimentare il trauma dell’abbandono, per non confermare la teoria che ‘io non valgo niente, mi amano solo se li accontento’.

Spiagge, calcio-balilla e videopoker. La dipendenza spiegata al fisco.

Prima di Tik Tok, al mare, socializzavi in presenza. C’era il pallone, mi ricordo: le partite in spiaggia, i tuffi e le maledizioni del vicino. ‘Io ve lo buco, sto pallone!’ E poi c’era il calcio-balilla o biliardino, o calcetto, ma impropriamente.

Il pallone era edonismo machista: i bravi prendevano la scena, gli altri più che altro guardavano.

Il calcio-balilla invece era la mostra delle personalità. Ognuno era se stesso, non potevi mentire. Il furbo provava a imbrogliare, il fuoriclasse si dava delle arie, il timido si nascondeva, l’arrogante cercava scuse. Al biliardino sentivi urla e risa, scommesse e sfottò, appuntamenti alla prossima e poi, soprattutto, la migliore: ‘Ragazzi devo andare, chi fa questo vince!’

E poi, intorno al calcio-balilla, c’erano le ragazze. Neppure loro potevano mentire. Ognuna infatti rideva più forte quando giocava il suo preferito. Così il furbo, il fuoriclasse, il timido, l’arrogante, magicamente uniti (contro natura) davanti al calcetto, sapevano dagli sguardi intorno a quel rettangolo quale mano avrebbero sfiorato più tardi, tra le onde.

Ora, io non so che cosa possa accomunare il calcio-balilla al videopoker: non vedo compulsione, in questo gioco, e non vedo dissociazione. Quelle risa a mio parere non sono un modo per saltare in un’altra realtà. Né ricordo gente che ci ha dilapidato capitali.

Prima di Tik Tok, al mare, socializzavi in presenza. E in stampatello. Non osi l’uomo dividere ciò che il calcio-balilla ha unito.

Scuola: verso fine anno. Tutti promossi? Molti genitori certamente sì.

Si avvicina il fine anno scolastico, torna il valzer delle pagelle. Per i genitori questo è un momento difficile: molti sentono la valutazione sui figli come una valutazione su di loro, sul loro operato educativo. 

Va detto che non tutti i fallimenti scolastici sono dovuti a pigrizia o ad incapacità. 

Le amicizie e le relazioni sentimentali, per esempio, (o partecipare a eventi sportivi, musicali, ecc) possono spostare il focus dell’attenzione dei ragazzi: bastano poche settimane per accumulare un ritardo e perdere l’intero anno scolastico

Un adulto che attraversa una crisi di coppia, ad esempio, è abbastanza in grado di separare il piano emotivo da quello pratico lavorativo: quando entra nel luogo di lavoro la sua mente sposta l’attenzione dalla crisi sentimentale agli impegni lavorativi, e infatti molti affermano che è proprio il lavoro ad aiutarli. 

Per i giovani non va allo stesso modo. Essi sono ancora in fase di definizione: i successi e gli insuccessi sono aspetti fortemente caratterizzanti vuoi il rapporto con i pari, vuoi la loro identità. Per questo possono avere fasi anche lunghe di apparente disinteresse per la scuola. 

Credo sia utile sottolineare ai genitori che l’insuccesso scolastico appartiene ai figli, non a loro. Così come il successo (o fallimento) sportivo. Ho già detto del rapporto di certi genitori con lo sport dei figli: l’ingerenza, per quanto indotta dalla passione, può diventare fuorviante; Il giovane infatti deve sentire che quello che fa è propriamente suo, non di altri. 

Se è vero nello sport, ancora più deve esserlo nella scuola: il ragazzo sia l’artefice e il responsabile dei suoi successi e dei suoi fallimenti. 

Se ne avvantaggerà in futuro. 

Body shaming: come aiutare le vittime?

Il body shaming è un fatto di bassa autostima. Di chi lo fa, e, semplificando enormemente, anche di chi ne resta ferito più del dovuto. 

Valutare le persone sulla base del loro aspetto fisico non è solo una mancanza di tatto. Non tutte le persone istruite denigrano chi ha studiato meno di loro, non tutti i ricchi  deridono i meno ricchi, non tutti i dotati di charme irridono chi ne è privo. La differenza tra le due posizioni non sta unicamente in una generica ‘mancanza di tatto’. 

Combattere battaglie impari non è segno di cavalleria, ma combattere battaglie impari deridendo l’avversario è persino peggio. Invidia, cinismo e viltà sono gli ingredienti fondamentali della personalità di chi si muove in questo modo.

Essere eccessivamente vulnerabili ai loro attacchi, di contro, evidenzia qualche nervo scoperto. Se chi appartiene alla classe media dovesse sentirsi offeso ogni volta che vede sfrecciare un’auto di lusso, potrebbe viaggiare bendato. Fate voi altri esempi. 

Avere un’immagine sicura di sé significa essere inattaccabili dall’esterno. Significa saper assorbire gli attacchi più duri, diciamo pure i più vili, senza esserne scalfiti. 

Come aiutare la vittima di body shaming? Questo comportamento sadico e vile ferisce, purtroppo, maggiormente dove trova più terreno fertile. Di conseguenza quando siamo difronte ad un soggetto che tende a sentirsi fortemente offeso dal body shaming, il modo migliore è aiutarlo a strutturarsi di più. L’obiettivo non è che non venga più attaccato, ma che impari a respingere gli attacchi, ovvero che non ne venga ferito. 

Si possono immaginare percorsi di psicoterapia ad hoc, oppure percorsi brevi finalizzati. Una forma di psicoterapia eccezionale è quella orientata al transfert: secondo me in questi casi potrebbe essere molto utile in breve tempo. 

Se per togliere un uomo dalla povertà, si diceva un tempo, si debba regalargli una canna da pesca e insegnargli a pescare, allo stesso modo per fronteggiare efficacemente e nel lungo periodo il body shaming si deve insegnare alle vittime a respingerlo al mittente. Anzitutto non lasciandosene ferire. 

Infedeltà sul posto di lavoro. Quando troppe fantasie denotano un problema di coppia.

Tutti hanno fantasie. Fantasie di aggressività, come per esempio quella di insultare chi ti taglia la strada, fantasie alimentari, come il desiderio improvviso di mangiare un cibo particolare o bere alcolici, fantasie erotiche

Una fantasia non è un comportamento: nei casi summenzionati è una fortuna limitarsi alle fantasie. Immaginiamo cosa accadrebbe se tutte le volte che sentiamo l’impulso di colpire una persona scortese, poniamo, in posta o in panetteria, non sapessimo trattenerci. 

A ben guardare una fantasia non è neppure un pensiero vero e proprio, intendo un pensiero strutturato. ‘Pensare’ qualcosa è darle corpo, almeno nella nostra mente. Facciamo un esempio. Un individuo ha la fantasia di assistere al concerto del cantante tal dei tali. Immagina se stesso in compagnia della persona x o y in prima fila, di cantare con lei le canzoni di quel cantante, di passare una bella serata.

Il pensiero che potrebbe dare corpo a questa fantasia è: reperire i biglietti, invitare la persona, trovare parcheggio vicino al teatro. Ovvero la struttura minima, magari già in sequenza, delle immagini che possono concretizzare la fantasia. 

Per trasformare il pensiero in realtà, poi, servirà un piano d’azione. Sarebbe a dire le sequenza dei comportamenti, delle azioni concrete, che porteranno alla meta. 

In questo modo si vede che avere fantasie di infedeltà non è infedeltà, o per lo meno non ancora. Proprio perché per concretizzare una fantasia c’è bisogno anzitutto del pensiero, e poi di un piano di azione. 

Avere molte fantasie ricorrenti dello stesso genere, tuttavia, denota senza dubbio un qualche nervo scoperto. Fantasie ricorrenti legate al cibo o al consumo di alcolici possono fare pensare ad un problema irrisolto in quel campo, o fantasie relative ad aggredire una persona che ci sta antipatica a qualche problema con la gestione della rabbia e dell’aggressività. 

Così avere ricorrenti fantasie di infedeltà, soprattutto sul luogo di lavoro, può denotare qualche problema di coppia. Sottolineo l’elemento ‘sul luogo di lavoro’ perché è un contesto non del tutto appropriato.  

Mi spiego meglio. Entrare in pasticceria ed essere assaliti dalla fantasia alimentare non è patologico. Ben diverso è sentire lo stesso impulso in metropolitana o sull’aereo. Sul luogo di lavoro (in genere) le persone ci si recano per fare un’attività lavorativa, non per praticare infedeltà: la fantasia di infedeltà al lavoro è, sostanzialmente, fuori contesto. 

Riassumendo: la fantasia non è un pensiero né un piano d’azione, ma avere frequenti fantasie di infedeltà può indicare un problema di coppia, specie se riguardano il contesto lavorativo. 

Adolescenti in rete. Quando il numero di likes è scambiato per valore individuale.

Molti adolescenti confondono il numero di likes con il valore di una persona. 

La competizione tra pari sui social networks è più pericolosa e subdola di quella che avveniva nel buio delle discoteche, perché è impietosamente pubblica. 

Se un adolescente diffonde una sua foto, e riceve, poniamo, 1000 mi piace, gli amici saranno costretti a fare i conti con questo dato. Se la loro foto non sarà apprezzata altrettanto si creerà inevitabilmente una gerarchia. 

Le gerarchie c’erano anche quando i ragazzi socializzavano in discoteca, ma lì era buio, ognuno era impegnato a fare per sé, e all’uscita realtà e finzione si mescolavano nei racconti, nell’assenza di reali controprove. 

Sui social networks invece non si può mentire: le controprove sono sempre lì, davanti a tutti. 

Molti giovani finiscono così con l’equiparare il valore individuale al numero di mi piace, dove ricevere pochi apprezzamenti significa sentirsi sminuiti nel gruppo di pari. 

La sfida che hanno davanti a loro questi ragazzi, e quindi i loro genitori, è quella di scindere l’apprezzamento pubblico dalla consapevolezza di sé. Il valore di un individuo non può essere valutato dal numero dei likes che riceve, soprattutto se essi sono giudizi vuoti, non spiegati, non motivati da altre valutazioni. 

Come riconoscere la dipendenza sessuale? Tre aspetti caratteristici.

La sexual addiction è un comportamento di dipendenza che può creare diversi problemi relazionali e nella vita quotidiana.

Per distinguerla dalla normale pratica non patologica sottolineo alcuni aspetti che la caratterizzano, mettendo in evidenza come questi siano negativi e spiacevoli per l’individuo.

1. Come per tutte le forme di dipendenza prevede una ricerca compulsiva. C’è una bella differenza tra fumare un sigaro in compagnia dopo cena e non poter iniziare la giornata senza una boccata di fumo. Vale lo stesso per la dipendenza sessuale. Se in sua assenza non si riesce a rimandare, se la sua ricerca diventa predominante sulle altre attività della giornata, siamo in presenza di una dipendenza. La capacità di rimandare la soddisfazione di un bisogno è fortemente connessa con il saperlo desiderare: vale a dire inserirlo in qualche angolo della mente dove possa venire cullato e, entro certi limiti, idealizzato. E’ quello che succede quando compriamo il biglietto per un concerto che avverrà fra alcuni mesi, o quando fissiamo un appuntamento che però avrà luogo solo fra alcuni giorni: sapere aspettare la soddisfazione di un bisogno è l’opposto della dipendenza.

2. All’attività vengono associati stati d’animo negativi. Alcuni comportamenti di dipendenza inizialmente hanno origine con lo scopo di ridurre l’ansia e l’angoscia, di fungere da valvola di sfogo. Vale lo stesso per lo shopping compulsivo, il gioco d’azzardo o il gaming patologico, e per la dissociazione ad essi legata. Queste attività vengono scoperte dagli individui e praticate inizialmente perché ne ottengono benefici, li fanno rilassare. Ad un certo punto invece alcuni si accorgono che gli aspetti positivi diventano sempre più marginali, in confronto a quelli negativi, e infine non saprebbero più dire se le si ricercano per ridurre lo stress della giornata, oppure per interrompere il craving crescente.

3. L’individuo sente che c’è qualcosa di dissonante nel suo comportamento. Quando la colpa e/o la vergogna fanno parte di un comportamento, o in maniera diretta o per assenza, ovvero perché fortemente negate, è perché qualche cosa dentro non quadra. Molti italiani hanno una passione sfrenata per il calcio. Tuttavia nessuno si sognerebbe di provare colpa o vergogna alla domenica sera per essere stato allo stadio. Né nessuno ha mai provato a smettere, sentendo che questo comportamento ha in sé qualcosa che non va. Quando siamo agiti dall’interno, non riusciamo a smettere, pur avendoci provato, siamo in presenza di una forma di dipendenza.

Ho evidenziato aspetti spiacevoli, dissonanti, tipici della sexual addicition.

In questo modo ho sottolineato come la sessualità possa diventare un comportamento più dannoso che piacevole. Soprattutto se la sua pratica assume sempre più le caratteristiche di una dipendenza, e sempre meno quella di tutti gli altri significati che gli esseri umani le possono attribuire.

Qual è il significato dei disturbi alimentari? I vuoti affettivi dietro il controllo della fame.

Il disturbo alimentare è correlato ad una sensazione di vuoto. Gestire lo stimolo della fame dà la percezione di controllare altre forme di vuoto che abitano la nostra pancia.

Il rapporto con il cibo, inoltre, fa pensare alla tavola, alla famiglia: per questo non è raro che individui con disturbi alimentari abbiano dei vuoti affettivi correlati a persone importanti del loro passato.

Questo non significa che le madri e i padri di ragazzi con disturbi alimentari siano stati dei cattivi genitori. Significa che questi ragazzi hanno registrato con sofferenza alcuni frammenti della loro storia emotiva, e che hanno imparato a gestire il vuoto ad essi associato attraverso la dinamica alimentare.

Disimparare questa modalità per sostituirla con una meno distruttiva non è facile e richiede impegno. Ma soprattutto è necessario trovare il modo per gestire – e non negare – il vuoto affettivo, ovvero il real name del disturbo alimentare.